Sport, tempo libero e divertimento

Quattro ottimi motivi per cominciare a vedere Games of Thrones

Quattro ottimi motivi per cominciare a vedere Games of Thrones

Pubblicato da in data 19 Mag 2017 in Tempo libero

Tra le serie televisive di maggiore impatto tra quelle che hanno contrassegnato gli ultimi anni vi è senza dubbio Games of Thrones, che si è ormai guadagnata i galloni di serie tv che ha fatto la storia del piccolo schermo e che merita di essere citata al fianco di mostri sacri quali Breaking Bad e Mad Men, solo per citare alcuni prodotti televisivi altrettanto recenti.

Ma come mai Games of Thrones ha avuto un successo simile? Sicuramente sono tanti i fattori che hanno inciso e che continuano ad incidere e che dovrebbero essere presi in considerazione da chi non si è mai approcciato a tale serie. Di seguito ecco una quattro motivi per cui varrebbe la pena cominciare a vedere Games of Thrones.

Il cast della serie

Il primo motivo per vedere Games of Thrones è senza dubbio il cast, che come in ogni serie di grande successo che si rispetti è uno degli elementi fondamentali. I personaggi che gli attori chiamati in questi anni di programmazione hanno impersonato sono sempre riusciti a bucare lo schermo e a conquistare l’attenzione del pubblico.

Questo è segno di una grande capacità di scelta da parte di chi fa i casting e anche di grande bravura da tutti coloro che sono coinvolti in Games of Thrones dal punto di vista prettamente recitativo. Non è un caso che questa serie sia considerata tra le meglio recitate degli ultimi vent’anni almeno.

Il mix tra umanità e scene cruente

Uno degli elementi più importanti di Games of Thrones è sicuramente la capacità di alternare scene di violenza a scene dove parole come empatia e solidarietà sono le uniche in grado di descriverle in modo corretto. Questo significa che in Games of Thrones si potranno trovare intrecci narrativi decisamente interessanti e mai banali.

La scelte di sceneggiatura

Un altro dei grandi punti di forza di Games of Thrones è senza dubbio legato agli sceneggiatori. Ogni serie tv di successo dipende da alcuni fattori quali lo sviluppo della trama. Ebbene, chi scrive gli episodi di Games of Thrones lo fa senza avere nessun occhio di riguardo per i fan e facendo scelte sempre e solo in funzione del mantenimento della qualità dello show.

E questo comporta che in Games of Thrones è davvero consigliabile non affezionarsi a nessun personaggio in particolare, perchè potrebbe essere proprio quello che si sarà costretti a salutare nella puntata successiva. Tutto questo comporta che ogni puntata sia una continua sorpresa per gli spettatori, che non sanno mai davvero cosa attendersi nei quasi 60 minuti di puntata.

Una serie dove non esiste il lieto fine

Quanto appena detto porta di conseguenza a parlare di un altro aspetto molto importante di Games of Thrones, ovvero il fatto che questa serie sia tutto tranne che adatta a chi cerca il lieto fine. Ma questo non deve assolutamente essere visto come un difetto, perchè si sta comunque parlando di una serie drammatica e d’avventura ed effettivamente sarebbe un controsenso un lieto fine. Se quello che si cerca sono duelli, intrighi e finali iper-realistici pur parlando di una serie fantasy, allora Games of Thrones è il prodotto adatto.